Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie policy cliccando sul pulsante.

Due lezioni magistrali di Giuseppe Montesano

Giovedì 9 luglio 2020: Ošip Mandel'stam

Giovedì 10 settembre 2020: Julio Cortázar

ore 18-20

IN VIDEOCONFERENZA INTERATTIVA

I magnifici d'estate - Osip Mandelstam e Julio Cortazar

Cosa fare nell’afa estiva?

Dà refrigerio la poesia, dà conforto la parola: due lezioni extra, una in luglio e una in settembre, con Giuseppe Montesano, anteprime dell’ottava edizione de I Magnifici Sette (ottobre 2020-maggio 2021).

Da sette anni I Magnifici Sette propongono a lettori, aspiranti scrittori, curiosi di ogni età un nuovo attraversamento della letteratura mondiale, alla scoperta di grandi poeti e narratori, celebri o dimenticati, per diventare o tornare ad essere, come scrive  Montesano, lettori selvaggi.

Nell’estate del COVID, dove tutto è eccezionale, eccezionalmente I Magnifici proseguono in formato web conference (uno straordinario successo di pubblico, oltre 50 i partecipanti alla lezione su Proust), il  9 luglio con Osip Mandel’stam e il 10 settembre con Julio Cortázar.

 

Giovedì 9 luglio
h 18-20

OSIP MANDEL’STAM

Il tempo mi lima come una moneta,
e ormai manco a me stesso.

“Serve a qualcosa di utile la poesia? In questo tempo che prestissimo toglierà a tutte le parole il loro senso, e le userà nel senso che vorrà chi tiene in pugno la vita degli uomini attraverso l’Economico, ogni poesia è inutile e sarà coperta dall’indifferenza: anche la poesia di Mandel’stam, e la sua ancora di più, perché sempre in lui c’è una voce che grida: di nuovo hanno sacrificato l’apice della vita come fosse un agnello: finché qualcuno, voltando le spalle a questo tempo, non sussurrerà a quelli che ancora cui sentono: c’è forse un tempo in cui è inutile mangiare il pane e bere il vino dall’apice della vita?”

 

Giovedì 10 settembre
h 18-20

JULIO CORTÁZAR

Un buon tema è come un sole, un astro intorno al quale gravita
un sistema planetario del quale molte volte non si ha notizia 
finché lo scrittore di racconti, astronomo di parole, non ce ne rivela l’esistenza. 

“La libertà felice che Cortázar si prese, il suo allentare le giunture del discorso per guardare oltre l’abitudine ricostruendo la forma a partire dai buchi, contiene una lezione difficile da seguire: troppo irrigidita e autocensurata è la letteratura oggi e con essa tutte le arti, troppo invasi gli artisti da un terrore totale di sbagliare andando a caso: ignorando che solo perso il filo se ne ritrova il capo”

A seguito dell'emergenza coronavirus, questa attività si svolgerà online sulla nostra piattaforma di webconference. 
Cosa sono e come funzionano le lezioni in webconference?  Qui tutti i dettagli


COSTI

Singolo incontro: 20 euro

Due incontri: 30 euro

ISCRIVITI ONLINE

Con paypal o carta di credito

Scegli a cosa iscriverti:

Con bonifico
all'IBAN IT24W0311103408000000030442, intestato a Associazione Culturale Aldebaran Park, specificando nella causale "Iscrizione I magnifici d'estate"


CHI CONDUCE

Giuseppe Montesano

Giuseppe Montesano(Napoli 1959), ha scritto i romanzi Nel corpo di Napoli, Mondadori, 1999, Superpremio Vittorini, Premio Napoli, finalista Premio Strega; A capofitto, 1996 (Mondadori, 2000); Di questa vita menzognera, 2003, Feltrinelli, Premio Selezione Campiello, Premio Viareggio; Magic People, 2005, Feltrinelli; Il ribelle in guanti rosa. Charles Baudelaire, Mondadori, Premio Vittorini. Ha tradotto autori francesi, tra cui La Fontaine, Gautier, Flaubert, Villiers de l’Isle-Adam, e per i Meridiani Mondadori ha curato e tradotto le Opere di Baudelaire, 1996, Premio Prezzolini-Lugano, e ha curato le Opere di Ottiero Ottieri, 2009, Meridiani Mondadori. Fra le opere recentissime: Lettori selvaggi (Giunti 2016), dai misteriosi artisti della preistoria a Saffo a Beethoven a Borges, La vita vera è altrove (Giunti 2016), vincitore Premio Viareggio 2017 e Premio Napoli 2017), e Come diventare vivi, un vademecum per Lettori selvaggi (Bompiani, 2017) . Per il teatro ha scritto un radiodramma per la Rai, curato la drammaturgia di “Magic People Show”, spettacolo andato in scena tra l’altro al Piccolo di Milano e al Teatro Nazionale di Madrid. Ha anche scritto per lo spettacolo “Servillo dice Napoli”, e ha tradotto il “Lélio” di Berlioz per Toni Servillo al San Carlo di Napoli. Collabora a “Il Mattino” e a “Il Messaggero”, e scrive per “L’Unità”.

Restiamo in contatto

Iscriviti alla Newletter

Ricevi nella tua casella email tutti gli aggiornamenti sulle nostre attività, corsi, eventi, appuntamenti.

mappa black

Lalineascritta ha la sua sede a Napoli (Vomero), in Via Kerbaker 23, all'interno della Galleria Vanvitelli (accanto a La Compagnia della Casa) , al piano ammezzato.

E' a 50 metri dalla Metropolitana Linea 1 (fermata Piazza Vanvitelli) e da tutte le funicolari: Centrale, Montesanto e Chiaia.