Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie policy cliccando sul pulsante.

"Storia&storie", lo stage di settembre a Certaldo sul racconto e il romanzo storico

Storia e storie
Lalineascritta Laboratori di scrittura
in collaborazione con l'Associazione Letteraria "Giovanni Boccaccio"

presenta

Storia & storie

Il racconto e il romanzo storico

Stage di scrittura creativa con Antonella Cilento

Venrdì 7 e sabato 8 settembre 2018
CERTALDO (FI) – Palazzo Pretorio

Ma in fondo perché scrivere di altre epoche, di tempi e persone e oggetti scomparsi? La domanda è antica e quasi non ci accorgiamo di quanti scrittori l’abbiano fatto: nel nostro Risorgimento i modelli noti sono tanti, da Manzoni a Nievo, e le risposte sono contingenti, ovvero il romanzo storico serve spiegare il difficile presente attraverso la lente del passato.

Risalire alle cause è in fondo il tema anche di Anna Banti o di Gore Vidal, di Enzo Striano o di Marguerite Yourcenar, di Marta Morazzoni (che a Certaldo è di casa, giurata del Premio Boccaccio) o di Maria Attanasio, di Melania G. Mazzucco o di Luigi Guarnieri, per fare solo alcuni nomi della tradizione italiana del romanzo storico.

Trovare le radici di un tema (la condizione femminile, l’uso e l’abuso del potere, la libertà o la prigionia di un popolo, la misteriosa fortuna di opere d’arte e il loro destino, il destino degli artisti, ecc…) può essere una ragione del racconto storico: per ragionare d’arte e carattere, di consumo e bellezza, di potere e bugie scrivono in fondo anche Pascal Quignard o Per Olov Enquist: e la lista dei maestri che si sono provati in questa speciale forma del romanzo (molto varia, molto duttile) potrebbe proseguire.

Scrivere del passato chiede fonti e ricerca: a volte, però, non bisogna trascurare che fonti e ricerca servono anche per scrivere dei nostri nonni o di quando eravamo scolari, cioè che ogni racconto e ogni romanzo, a modo loro, sono “storici”.

Certaldo palazzo pretorio - Stage scrittura creativa con Antonella CilentoE’ l’ispirazione che viene dalle fonti, la suggestione che viene dal passato e le tecniche che servono per articolare le storie (tutte le storie, anche quelle ambientate l’anno scorso) l’argomento di questo particolare stage, il quarto a Certaldo, nei magnifici luoghi di Giovanni Boccaccio, che dei misteri del cuore umano e della Storia (lontana e contemporanea) fu accanito e ironico esploratore.

Nello stage si sperimenteranno concretamente, scrivendo e rileggendo, gli strumenti necessari a: superare il blocco dello scrittore e la soggezione che la fonte storica ci incute, usare il punto di vista per immaginare i personaggi, sperimentare l’arco in tre atti della storia e come il Tempo, quando un racconto o un romanzo si sviluppano in epoche più o meno lontane, sia, come scrive Marguerite Yourcenar, un grande scultore…

Un’esperienza di metodo e di scrittura unica, che Lalineascritta propone da ormai 25 anni.

 


Orari di attività

Venerdì 7 settembre h 10-13 e 15-19
Sabato 8 settembre h 10-13

Costi e Iscrizioni

Costo dello stage: 120 euro, 100 studenti

Per iscriversi è necessario effettuare bonifico bancario a:
Ass. Cult. Aldebaran Park /Banca Popolare di Ancona Ag. 184 – Napoli 14
IBAN: IT24W0311103408000000030442 BIC BLOPIT22
NB: in caso di mancata partecipazione senza preavviso entro la scadenza dei termini l'importo non verrà restituito

Scadenza iscrizioni: 1° settembre 2018.

Inviare mail con conferma del bonifico a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Per il pernottamento

Scarica il file con offerte di agriturismi, alberghi e ville in zona.

LA Conduttrice dello stage, Antonella Cilento

Antonella Cilento(Napoli, 1970), scrittrice e giornalista, ha creato il Laboratorio Lalinescritta nel 1993, tra i primissimi in Italia a proporre l'insegnamento della scrittura creativa. lI suo ultimo libro è Morfisa o L'acqua che dorme (Mondadori 2018). Con Lisario o il piacere infinito delle donne (Mondadori 2014) è stata finalista del Premio Strega 2014, e Premio Boccaccio 2014 (romanzo tradotto in Francia, Germania, Spagna e Lituania, e in via di traduzione in Corea). I suoi romanzi sono tradotti in Spagna, Germania, Francia, Lituania. Collabora con Il Mattino, Il Corriere della Sera e ha collaborato con L'Indice dei libri del mese, Il Sole 24 Ore, Grazia. Un suo manuale dedicato alla scrittura creativa è stato pubblicato da Simone Editore nel 2000: A. Cilento e A. Piedimonte, Scrivere. Guida ai mondi della parola scritta. Ha scritto numerose opere per il teatro e per il cinema...

Leggi tutto...

Copyright © 1993 - 2016 Associazione Culturale Aldebaran Park - Lalineascritta Laboratori di Scrittura
Sede legale: via Caravaggio, 30 - 80126 Napoli | Codice Fiscale 94141660632

Le Opinioni e i Contenuti all'interno de lalineascritta.it esprimono esclusivamente il parere dei rispettivi autori.