Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie policy cliccando sul pulsante.

Tempo, talento e rinascita nella creazione

Nell'incanto del cielo, del mare e delle terme di Ischia uno stage di vacanza e formazione

Da giovedì 3 a domenica 6 settembre 2015
Hotel Casa Michelangela, Casamicciola (Ischia)

Scrittura creativa Antonella Cilento
Uso del colore Iole Cilento
Voicing Rosaria Maglio
Teatro Paolo Oliveri del Castillo

tigre

Sembra proprio che l'umanità, sin dai suoi albori, non possa smettere di cercare "la terza tigre" di cui scrive Jorge Luìs Borges, "quella che non è nei versi" poiché non è né quella reale ("la tigre fatale, il funesto gioiello che, sotto il sole o la diversa luna, sta compiendo a Sumatra o nel Bengala la sua routine di amore, di ozio e morte"), né quella "di simboli e ombre" che abita nei libri.

Tutti cerchiamo una terza tigre attraverso un' "avventura indefinita, insensata e antica", ovvero raccontare storie.

Ogni volta che scriviamo dobbiamo fare i conti con la nostra vita, con le storie che ci appaiono reali e con la menzogna dell'invenzione letteraria.
Siamo immersi nell'ingannevole mondo della memoria e, al tempo stesso, tentiamo di distillare i modelli, le letture, le ricerche libresche cui Borges allude nella poesia intitolata "Un'altra tigre". La nostra potenza creativa dipende dagli impulsi discontinui dell'esistenza eppure deve rendere efficace l'opera, che è invece stabile e definitiva: finzione e realtà, autobiografia e invenzione.

In questo stage ci occuperemo di questi paradossi e, in particolare, del tempo e della sua funzione, di come esso scorre nell'autobiografia e di come si stratifica nella narrativa.

Ma cureremo anche i nostri talenti: in cosa siamo più dotati mentre creiamo?

E, infine, cercheremo di incontrare la terza tigre: quella che è stata concepita nella vita reale, immaginata attraverso i libri e che diventa, in fine, la forma originale che ciascuno di noi aspira a creare.

Fra profumi, sapori, suoni e immersi nella dolcezza materna dell'acqua termale, questo stage propone gli strumenti della scrittura creativa e del teatro, del voicing e della meditazione, del disegno e del colore fusi insieme, in una tre giorni di sospensione dall'ordinario, di relax e immaginazione, accompagnati da rituali volti a riattivare la capacità creativa.

Orari di attività
Giovedì 3 settembre, h 21.30

Gioco introduttivo dopo cena

Venerdì 4 settembre h 10-13 e 15-19

Laboratorio di scrittura, Voicing e arti visive

h 21.30 proiezione film

Sabato 5 settembre h 10-13, 16-19

Laboratorio di scrittura, Voicing e arti visive

h 21.30-23.30  IN SCENA!

Domenica 6 settembre H 10-11,30

MEDITI - AMO…

La location

Pernottamento e pensione completa al giorno presso Hotel Casa Michelangela, Via Olivo 10 (Casamicciola Terme, tel. 081.996138) - Visita il sito: www.casamichelangela.it

{gallery rows=2 cols=1 width=90 height=100}casamichelangela{/gallery}

Costi pensione completa al giorno: singola 72 euro, doppia 65 euro, tripla 62 euro.

Costi e iscrizioni

Costo dello stage: 230 euro

Sono previsti max 25 iscritti. Le iscrizioni si chiudono il giorno 28 agosto.

Per iscriversi è necessario effettuare bonifico bancario di 150 euro a:

Ass. Cult. Aldebaran Park
Banca Popolare di Ancona Ag. 184 – Napoli 14
IBAN: IT49L0503403409000000022715

NB: in caso di mancata partecipazione senza preavviso entro la scadenza dei termini l’anticipo non verrà restituito.

Antonella Cilento

(Napoli, 1970), scrittrice e giornalista, ha creato il Laboratorio Lalinescritta nel 1993, tra i primissimi in Italia a proporre l'insegnamento della scrittura creativa. lI suo ultimo libro è Morfisa o L'acqua che dorme (Mondadori 2018). Con Lisario o il piacere infinito delle donne (Mondadori 2014) è stata finalista del Premio Strega 2014, e Premio Boccaccio 2014 (romanzo tradotto in Francia, Germania, Spagna e Lituania, e in via di traduzione in Corea).

Ha pubblicato romanzi, racconti, reportages: Il cielo capovolto (Avagliano, 2000,) Una lunga notte (Guanda, 2002, Premio Fiesole 2002, Premio Viadana, finalista Premio Vigevano, Premio Greppi, selezionato al Festival du Premier Roman di Chambéry), Non è il Paradiso (Sironi, 2003), Neronapoletano (Guanda, 2004), L’amore, quello vero (2005, Guanda), Napoli sul mare luccica (2006, Laterza), Nessun sogno finisce (2007, Giannino Stoppani), Isole senza mare (2009,Guanda), Asino chi legge (2010, Guanda), La paura della lince (2012, Rogiosi), Bestiario napoletano (Laterza, 2015), La madonna dei mandarini (NN editore, 2015). I suoi romanzi sono tradotti in Francia, Spagna, Lituania, Corea, Germania, Russia, alcuni suoi racconti sono editi in Olanda, Romania e Stati Uniti.

Collabora con Il Mattino, Il Corriere della Sera, L'Indice dei libri del mese, Grazia.

Ha realizzato per RAI RadioTre i racconti radiofonici Voci dal silenzio e Scisciano Paradise. E’ stata segnalata dal Premio Calvino 1998 per il romanzo inedito Ora d'aria e ha vinto il Premio Tondelli con la sua tesi di laurea.

Ha scritto numerosi testi per il teatro (fra gli altri: L’angelo della casa, Napoli Teatro Festival e Teatro Mercadante; Itagliani!, in tournée con Margherita Di Rauso; Cafone!, in tournée con Gea Martire) e sceneggiature di corti (regie di Sandro Dionisio e Mario Martone).

Un suo manuale dedicato alla scrittura creativa è stato pubblicato da Simone Editore nel 2000: A. Cilento e A. Piedimonte, Scrivere. Guida ai mondi della parola scritta.

Ha ideato e conduce il Laboratorio di scrittura Creativa Lalineascritta dal 1993 presso associazioni, librerie, scuole di ogni ordine e grado, forma insegnanti e studenti in tutt’Italia. Ha diretto dal 2005 al 2008 la Scuola Le Scimmie presso l’UPAD di Bolzano. Ha ideato e realizzato STRANE COPPIE (nove edizioni) con Institut Français, Goethe Institut, Instituto Cervantes, Banco BPM e Fondazione Banco Napoli. Ha coordinato L’ORA FATALE per Teatro di San Carlo - MeMus e il progetto SudCreativo, realizzato convegni su Pier Vittorio Tondelli e la scrittura creativa nel Sud Italia, rassegne di autori contemporanei.

Il suo sito personale: www.antonellacilento.it

facebookLa sua pagina Facebook: https://www.facebook.com/antonellacilentopage/

Leggi tutto...

Iole Cilento

Iole Cilento 150

Si è formata all’Accademia di Belle Arti di Napoli e presso il Dipartimento di Arti Plastiche dell’Università di Parigi.
Lavora come scenografa dal 1997 per videoclip, installazioni, eventi, manifestazioni di piazza e in particolar modo nell’ambito dello spettacolo per adulti e ragazzi collaborando, fra gli altri, con Libera Scena Ensemble, Le Nuvole, Teatro della Tosse, Teatro Stabile di Torino, Cantieri Teatrali Koreja, Teatro Potlach, Sosta Palmizi, Fondazioni Lirico-sinfoniche Teatro Regio di Torino e Petruzzelli di Bari.
Dal 2002 affianca a questa attività quella di illustratrice (ultima pubblicazione: tavole per 'Bestiario Napoletano' di A. Cilento, Laterza 2015) e di conduttrice di corsi e stages curando laboratori di manualità e arte contemporanea con normodotati e diversabili presso scuole pubbliche e associazioni culturali in Piemonte e Campania.
Nell’ambito dei progetti CEE per l’Alta Formazione di esperti in teatro sociale ha svolto docenze in materia di scenografia per l’Università di Lecce e Ancona.
Ha tenuto a Napoli tre mostre personali a tema letterario ibridando pittura, scultura, light design e oggetti di recupero.
È docente nel dipartimento di scenografia presso l’Accademia di Belle Arti di Napoli; precedentemente ha svolto incarichi di docenza a L'Aquila, Catanzaro, Foggia e Frosinone.
Da più di dieci anni conduce la sezione di arti visive degli stages multidisciplinari de Lalineascritta.

Iole Cilento 150

Si è formata all’Accademia di Belle Arti di Napoli e presso il Dipartimento di Arti Plastiche dell’Università di Parigi.
Lavora come scenografa dal 1997 per videoclip, installazioni, eventi, manifestazioni di piazza e in particolar modo nell’ambito dello spettacolo per adulti e ragazzi collaborando, fra gli altri, con Libera Scena Ensemble, Le Nuvole, Teatro della Tosse, Teatro Stabile di Torino, Cantieri Teatrali Koreja, Teatro Potlach, Sosta Palmizi, Fondazioni Lirico-sinfoniche Teatro Regio di Torino e Petruzzelli di Bari.
Dal 2002 affianca a questa attività quella di illustratrice (ultima pubblicazione: tavole per 'Bestiario Napoletano' di A. Cilento, Laterza 2015) e di conduttrice di corsi e stages curando laboratori di manualità e arte contemporanea con normodotati e diversabili presso scuole pubbliche e associazioni culturali in Piemonte e Campania.
Nell’ambito dei progetti CEE per l’Alta Formazione di esperti in teatro sociale ha svolto docenze in materia di scenografia per l’Università di Lecce e Ancona.
Ha tenuto a Napoli tre mostre personali a tema letterario ibridando pittura, scultura, light design e oggetti di recupero.
È docente nel dipartimento di scenografia presso l’Accademia di Belle Arti di Napoli; precedentemente ha svolto incarichi di docenza a L'Aquila, Catanzaro, Foggia e Frosinone.
Da più di dieci anni conduce la sezione di arti visive degli stages multidisciplinari de Lalineascritta.

Paolo Oliveri del Castillo

Paolo Oliveri del Castillo

Regista teatrale e attore, si è formato alla scuola dell’attore del Teatro Cilea a Napoli sul finire degli anni ‘80.
Segue molti corsi di perfezionamento con particolare attenzione all’improvvisazione teatrale. Si forma per alcuni anni con gli stages intensivi condotti da Alain Valade, regista teatrale e radiofonico francese.
Matura un’esperienza pluriennale con l’associazione “Il Teatro dell'Anima” (Parigi-Napoli). Frequenta il corso di regia di Carlo Cerciello presso il Teatro Elicantropo di Napoli.
L’esordio alla regia avviene nel 1994 con lo spettacolo Orfeo di Jean Cocteau; sempre nel 1994 fonda la compagnia teatrale “Il teatro dei folletti” prodotta dall’associazione culturale Aldebaran Park.
Tra gli spettacoli più significativi ricordiamo: Spirito Allegro di Noel Coward (1995); Tre topolini ciechi di A. Cilento (1996) libero adattamento da Trappola per topi di A. Cristhie; Bambini nel Tempo di A. Cilento (1999) libero adattamento dal romanzo omonimo di Ian McEwan; La fine del gioco di A. Cilento (2004) libero adattamento dal racconto omonimo di Julio Cortàzar.
Torna alla regia nel giugno 2021, mettendo in scena al Teatro Elicantropo di Napoli L’amore a ogni costo, spettacolo di cui è autore regista e attore.
Conduce i laboratori di teatro per la Lineascritta dal 2015.

Paolo Oliveri del Castillo

Regista teatrale e attore, si è formato alla scuola dell’attore del Teatro Cilea a Napoli sul finire degli anni ‘80.
Segue molti corsi di perfezionamento con particolare attenzione all’improvvisazione teatrale. Si forma per alcuni anni con gli stages intensivi condotti da Alain Valade, regista teatrale e radiofonico francese.
Matura un’esperienza pluriennale con l’associazione “Il Teatro dell'Anima” (Parigi-Napoli). Frequenta il corso di regia di Carlo Cerciello presso il Teatro Elicantropo di Napoli.
L’esordio alla regia avviene nel 1994 con lo spettacolo Orfeo di Jean Cocteau; sempre nel 1994 fonda la compagnia teatrale “Il teatro dei folletti” prodotta dall’associazione culturale Aldebaran Park.
Tra gli spettacoli più significativi ricordiamo: Spirito Allegro di Noel Coward (1995); Tre topolini ciechi di A. Cilento (1996) libero adattamento da Trappola per topi di A. Cristhie; Bambini nel Tempo di A. Cilento (1999) libero adattamento dal romanzo omonimo di Ian McEwan; La fine del gioco di A. Cilento (2004) libero adattamento dal racconto omonimo di Julio Cortàzar.
Torna alla regia nel giugno 2021, mettendo in scena al Teatro Elicantropo di Napoli L’amore a ogni costo, spettacolo di cui è autore regista e attore.
Conduce i laboratori di teatro per la Lineascritta dal 2015.

 

Restiamo in contatto

Iscriviti alla Newletter

Ricevi nella tua casella email tutti gli aggiornamenti sulle nostre attività, corsi, eventi, appuntamenti.

mappa black

Lalineascritta ha la sua sede a Napoli (Vomero), in Via Kerbaker 23, all'interno della Galleria Vanvitelli (accanto a La Compagnia della Casa) , al piano ammezzato.

E' a 50 metri dalla Metropolitana Linea 1 (fermata Piazza Vanvitelli) e da tutte le funicolari: Centrale, Montesanto e Chiaia.