Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie policy cliccando sul pulsante.

Quattro incontri per riscoprire l’attualità e il potere emozionale dell’opera lirica.
Storie e personaggi che nutrono il nostro immaginario da generazioni; canzoni e film li hanno celebrati, imitati e saccheggiati, ma noi, cosa sappiamo davvero di loro?
L’opera racconta la vita mescolando amore e morte, favola e storia, con una libertà e un senso del capovolgimento che anticipa di gran lunga gli attuali serial televisivi, e per gustarla a pieno bisogna esplorare la complessità della macchina: luci, costumi e scene hanno un ruolo fondamentale, non solo per bellezza e dimensioni, ma per il rapporto indissolubile con la musica e l’azione. 
Novembre - Dicembre 2017

Lezioni sull'opera lirica

con Iole Cilento

quattro incontri, giovedì ore 18.30-20.30 
30 novembre, 7-14-21 dicembre 2017

una notte all opera

Quattro incontri per riscoprire l’attualità e il potere emozionale dell’opera lirica.

Storie e personaggi che nutrono il nostro immaginario da generazioni; canzoni e film li hanno celebrati, imitati e saccheggiati, ma noi, cosa sappiamo davvero di loro?
L’opera racconta la vita mescolando amore e morte, favola e storia, con una libertà e un senso del capovolgimento che anticipa di gran lunga gli attuali serial televisivi, e per gustarla a pieno bisogna esplorare la complessità della macchina: luci, costumi e scene hanno un ruolo fondamentale, non solo per bellezza e dimensioni, ma per il rapporto indissolubile con la musica e l’azione.
Nel teatro lirico contemporaneo la forza di una drammaturgia che scavalca i secoli si è rinnovata, servendosi dei nuovi media e delle nuove tecnologie: il cinema e la moda, l’arte contemporanea, ma anche la meccanica, le proiezioni, e il digitale.
Per la seconda edizione “Una notte all’opera” vi porta nel regno incantato delle fiabe, ma attenzione: non tutte sono a lieto fine… L’arte sottile di unire musica, parola e scena presentata da una scenografa docente dell’Accademia di Belle Arti attraverso l’ascolto ragionato delle arie più celebri e la documentazione filmata degli allestimenti più innovativi.


giovedì 30 novembre 2017

LA CENERENTOLA DI ROSSINI: DA PERRAULT A LUCA RONCONI

Una fiaba archetipica per una messa in scena giocosa e ricca di sorprese


giovedì 7 dicembre 2017

LA TURANDOT DI PUCCINI: DA CARLO GOZZI A ROBERTO DE SIMONE

Una fiaba lunare per una messa in scena filologica e sognante


giovedì 14 dicembre 2017

L’AIDA DI VERDI: DA AUGUSTE MARIETTE A LA FURA DELS BAUS

Una fiaba storica per una messa in scena visionaria e atemporale


giovedì 21 dicembre 2017

IL FLAUTO MAGICO DI MOZART: DA LIEBESKIND A BOB WILSON

Una fiaba esoterica per una messa in scena essenziale e avanguardista


Iole Cilento

Iole Cilento 150

Si è formata all’Accademia di Belle Arti di Napoli e presso il Dipartimento di Arti Plastiche dell’Università di Parigi.
Lavora come scenografa dal 1997 per videoclip, installazioni, eventi, manifestazioni di piazza e in particolar modo nell’ambito dello spettacolo per adulti e ragazzi collaborando, fra gli altri, con Libera Scena Ensemble, Le Nuvole, Teatro della Tosse, Teatro Stabile di Torino, Cantieri Teatrali Koreja, Teatro Potlach, Sosta Palmizi, Fondazioni Lirico-sinfoniche Teatro Regio di Torino e Petruzzelli di Bari.
Dal 2002 affianca a questa attività quella di illustratrice (ultima pubblicazione: tavole per 'Bestiario Napoletano' di A. Cilento, Laterza 2015) e di conduttrice di corsi e stages curando laboratori di manualità e arte contemporanea con normodotati e diversabili presso scuole pubbliche e associazioni culturali in Piemonte e Campania.
Nell’ambito dei progetti CEE per l’Alta Formazione di esperti in teatro sociale ha svolto docenze in materia di scenografia per l’Università di Lecce e Ancona.
Ha tenuto a Napoli tre mostre personali a tema letterario ibridando pittura, scultura, light design e oggetti di recupero.
È docente nel dipartimento di scenografia presso l’Accademia di Belle Arti di Napoli; precedentemente ha svolto incarichi di docenza a L'Aquila, Catanzaro, Foggia e Frosinone.
Da più di dieci anni conduce la sezione di arti visive degli stages multidisciplinari de Lalineascritta.

Restiamo in contatto

Iscriviti alla Newletter

Ricevi nella tua casella email tutti gli aggiornamenti sulle nostre attività, corsi, eventi, appuntamenti.

mappa black

Lalineascritta ha la sua sede a Napoli (Vomero), in Via Kerbaker 23, all'interno della Galleria Vanvitelli (accanto a La Compagnia della Casa) , al piano ammezzato.

E' a 50 metri dalla Metropolitana Linea 1 (fermata Piazza Vanvitelli) e da tutte le funicolari: Centrale, Montesanto e Chiaia.