Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie policy cliccando sul pulsante.

In questo momento così estremo per tutti, in modo particolare per la cultura, Lalineascritta è lieta di dar vita a un nuovo spettacolo teatrale, a nove anni da L’angelo della casa. Omaggio a Emily Dickinson, andato in scena al Napoli Teatro Festival e poi al Ridotto del Mercadante.

Era ormai impellente e necessario tornare a produrre uno spettacolo interamente progettato all’interno dell’associazione, così, dopo oltre un anno di laboratorio, è nato L’amore a ogni costo.

Plot:

In Italia, sul finire degli anni Settanta, una coppia in crisi è sul punto di lasciarsi.

Maria non ama più Eduardo, Eduardo la vuole come fosse una sua proprietà ma Maria ama Marco. Fin qui, il classico triangolo.

Colpa della routine, della differenza di età che inizia a farsi sentire, degli hobby di Eduardo che adora i treni elettrici.

Sarebbe naturale che Maria lasciasse Eduardo per la nuova vita con Marco.

Ma Eduardo ne sa una più del diavolo e propone ai due amanti una soluzione incredibile, cui non si può dire no e che vi farà rimettere in gioco tutte le vostre certezze. …

Il video

Come spiegare di cosa parla il nostro spettacolo? Abbiamo affidato l'impresa alle parole di vari autori con l'obiettivo di ricreare per voi le suggestioni della scena.


La storia:

Ispirato a un racconto breve dello scrittore americano Fletcher Flora, L’amore a ogni costo è nato come esperimento del corso di teatro che tengo per Lalineascritta da alcuni anni ma, con l’arrivo della pandemia, è diventato un progetto e una missione: riuscire a proseguire con le prove anche a distanza, anche dentro un’aula di Zoom, con gli attori ciascuno a casa propria, l’aiuto regia in un’altra regione, i musicisti, che saranno in scena dal vivo come gli attori, in un’altra città ancora…

L’amore a ogni costo in estate andrà in scena, costi quel che costi, e scusate il bisticcio di parole, perché il Teatro non muore mai, nonostante le pressioni esterne provino ad ammazzarlo.

Grazie agli attori, Marzia Simiani e Rosario Amatucci; a Valerio Virzo ed Enzo Amazio, autori delle musiche che eseguiranno in scena dal vivo al sax tenore e alla chitarra semiacustica; a Iole Cilento per le scene; ad Alessandra Bellini, aiutoregista; a Claudia Moschetti e Sara Picardi per la comunicazione e a tutto lo staff de Lalineascritta.

Vi aspettiamo!

Paolo Oliveri del Castillo

Il cast:

 

Paolo Oliveri Del Castillo

Paolo Oliveri Del Castillo

Regista teatrale e attore, si è formato alla scuola dell’attore del Teatro Cilea a Napoli sul finire degli anni 80. Segue molti corsi di perfezionamento con particolare attenzione all’improvvisazione teatrale. Si forma per alcun anni con gli  stages intensivi condotti da Alain Valade, regista teatrale e radiofonico francese. Matura un’esperienza pluriennale con l'associazione "Il Teatro dell'Anima" (Parigi-Napoli). Frequenta il corso di regia di Carlo Cerciello presso il teatro Elicantropo di Napoli.
L’esordio alla regia avviene nel 1994 con lo spettacolo Orfeo di Jean Cocteau; sempre nel 1994 fonda la compagnia teatrale “Il teatro dei folletti”  prodotta dall’associazione culturale Aldebaran Park. Tra gli spettacoli più significativi ricordiamo : Spirito Allegro di Noel Coward (1995); Tre topolini ciechi di A. Cilento (1996) libero adattamento da “Trappola per topi” di A. Cristhie; Bambini nel Tempo di A. Cilento (1999) libero adattamento dal romanzo omonimo di Ian McEwan; La fine del gioco di A. Cilento (2004) libero adattamento dal racconto omonimo di Julio Cortàzar; Ogni anno presso l’associazione Aldebaran Park Conduce laboratori sull’improvvisazione, sul lavoro dell’attore, sulla scena e le sue regole. 

Marzia Simiani

Marzia Simiani

Ha iniziato a studiare recitazione a Napoli con un laboratorio durato tre anni, cui sono seguite numerose altre esperienze artistiche. Tra tutte vanno ricordate la partecipazione allo stage e successiva messa in scena dello spettacolo ideato e interpretato da Tommaso Bianco “L’ultimo pulcinella” al teatro Dehon di Bologna nel 2010; la partecipazione a Roma nel 2014 al corso avanzato di doppiaggio diretto da Roberto Chevalier; la partecipazione dal 2015 al 2017 alla scuola di arti terapie ANTHEA di Napoli diretta da Dario Aquilina in cui il teatro è vissuto come uno dei possibili strumenti di cura assieme alla musica alla danza e ad altre esperienze artistiche; Altro momento importante è stata la partecipazione agli incontri di drammaturgia, regia e recitazione “Teatranti nel parco” svoltisi in Abruzzo con la direzione artistica di Dacia Maraini. Questa esperienza si è svolta in più edizioni dal 2012 al 2016 ed è sfociata tra l’altro nella mise en espace al teatro Talia di Tagliacozzo dei testi scritti dal nostro gruppo di allievi e cioè dal testo “ 1915 dal Sangro al Piave” regia di Roberto Capaldo nel 2015 e  successivamente nel 2016 del testo “sogni in cammino” per la regia di Emanuela Giordano.

Rosario Amatucci

Rosario Amatucci

Ha recitato: nella  “Compagnia del Cancello”  di Torre Annunziata nel 2007, nel ruolo dell’Abate in un’opera liberamente tratta da “L’inquisizione” di Diego Fabbri intitolata “ La strada non presa”; nel 2008 con la stessa compagnia in un’opera di teatro danza intitolata “Avevi paura del mare” liberamente tratta dal romanzo Otranto di Roberto Cotroneo e da “L’ora di tutti” di Maria Corti; ha interpretato don Gaetano in “Morso di Luna Nuova” di Erri de Luca, con la compagnia “ La casa di Cleope” nel 2009; con la compagnia “ La maschera e il glicine”, per la regia di Lucio Allocca, ha interpretato più personaggi in uno spettacolo di teatro dell’assurdo intitolato “Un’assurda serata” nel 2010.

Alessandra Bellini

Alessandra Bellini

È nata a Potenza dove vive e lavora. É allieva de Lalineascritta dei laboratori di narrativa di Antonella Cilento e di drammaturgia di Stefania Bruno. Ha seguito laboratori teatrali a
Potenza ed ha partecipato come aiuto regista allo spettacolo Click&Slurp (2019).

Valero Virzo

Valero Virzo

Diplomato in pianoforte viola e composizione, dopo una lunga tournè con Pino Daniele, studia Saxofono e jazz in U.S.A. al MIT e con Dexter Gordon. Dopo il successo del disco Valerioperanna, si sposta a Berlino, dove incide Caterpillar. Molte le composizioni per teatro e cinema e le collaborazioni con musicisti di tutto il mondo.

Enzo Amazio

Enzo Amazio

(Napoli 1967) è un musicista, chitarrista, compositore italiano di musica jazz. Si è diplomato in chitarra classica presso il conservatorio S. Pietro a Maiella di Napoli. Laurea in composizione e arrangiamento jazz presso il medesimo conservatorio. Ha conferito dei master con Jerry Bergonzi, Mike Stern, Jim Hall. Dopo un periodo di concertismo nel campo della musica classica si dedica al jazz. Ha lavorato inoltre come arrangiatore e chitarrista con I New Cimarosa, Ida Rendano, James Senese, Enzo Gragnaniello, Massimo Ranieri, Fabio Perversi dei Matia Bazar. Collabora attivamente con l’Heristal Entertainment e come compositore per Rai, Mediaset, Sky, Rai Isoradio, Radio Italia, Radio Montecarlo. Ospite nelle seguenti trasmissioni televisive: Domenica In, Vivere meglio, Festival di Napoli, Rai International, Uno Mattina, Napoli prima e dopo.

I precedenti:

Un po’ di storia, ecco gli spettacoli prodotti dall’associazione Aldebaran Park dal 1995 ad oggi:

“Spirito Allegro” di Noel Coward (1995), regia di Paolo Oliveri del Castillo

“Tre topolini ciechi” libero adattamento da “Trappola per topi” di Agatha Christie di Antonella Cilento, regia di Paolo Oliveri del Castillo (1996)

“Assenza” di Antonella Cilento, ispirato a una poesia di Vinicius de Moraes, regia di Paolo Oliveri del Castillo (1997) 

“Bambini nel tempo”, libero adattamento dall’omonimo romanzo di Ian McEwan di Antonella Cilento, regia di Paolo Oliveri del Castillo (1999) e Giorgia Palombi (2000)

“La fine del gioco” di Antonella Cilento, libero adattamento dall’omonimo racconto di Julio Cortazar, regia di Paolo Oliveri del Castillo (2004)

“Isole senza mare” di Antonella Cilento regia di Cristiana Liguori (2005)

“L’angelo della casa. Omaggio a Emily Dickinson” di Antonella Cilento, regia di Giorgia Palombi (2012)

Restiamo in contatto

Iscriviti alla Newletter

Ricevi nella tua casella email tutti gli aggiornamenti sulle nostre attività, corsi, eventi, appuntamenti.

mappa black

Lalineascritta ha la sua sede a Napoli (Vomero), in Via Kerbaker 23, all'interno della Galleria Vanvitelli (accanto a La Compagnia della Casa) , al piano ammezzato.

E' a 50 metri dalla Metropolitana Linea 1 (fermata Piazza Vanvitelli) e da tutte le funicolari: Centrale, Montesanto e Chiaia.