Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie policy cliccando sul pulsante.

SC 2021 3 1200x628

STRANE COPPIE 2021# tell the music

Se gli scrittori raccontano la musica (o la musica racconta la letteratura)

13ª edizione: ottobre - dicembre 2021

QUARTO INCONTRO

Giovedì 2 dicembre 2021 ore 18.30

Seduttori

Lorenzo Da Ponte & Giacomo Casanova

(ovviamente con Mozart)
con Marta Morazzoni e Marino Niola
Coordina Antonella Cilento
Letture di Gea Martire, musica di Paolo Coletta

In un racconto Marta Morazzoni immagina l’incontro mai avvenuto fra Goethe e Lorenzo da Ponte: un incontro casuale, durante un viaggio alpino che mostra tutta la terribile distanza fra lo scrittore affermato e il librettista considerato modesto artigiano. Eppure l’immortale musica di Mozart mai avrebbe costruito così completamente nell’immaginario dei secoli a venire l’immagine di Don Giovanni senza il contributo di Da Ponte.

Arte della seduzione per eccellenza sin dai tempi di Orfeo, la musica ha giocato un continuo intreccio con l’arte della seduzione per secoli: in questo incontro dedicato ai seduttori in tempi di MeToo, da Don Giovanni a Casanova, un’esplorazione necessaria e doverosa fra i confini delle arti e della scrittura quando si presta alla memoria (le bellissime Memorie di Casanova e quelle altrettanto belle e meno note di Da Ponte) e alla musica.

Gli ospiti

Marta Morazzoni
MARTA MORAZZONI

Scrittrice e critica teatrale, è nata a Milano e vive a Gallarate. Il suo primo libro, La ragazza col turbante (1986), ha avuto uno straordinario successo critico in Italia e all'estero, dove è stato tradotto in nove lingue. L'invenzione della verità è stato premio selezione Campiello nel 1988, Casa materna nel 1992 e Il caso Courrier premio Campiello nel 1997 e Independent Foreign Fiction Award 2001. I suoi ultimi libri sono La città del desiderio. Amsterdam (Guanda 2006); Trentasette libri e un cane (Filema 2008); Lezioni svizzere: opere, autori, personaggi letterari (BookTime 2008); La nota segreta (Longanesi 2010, Tea 2012); Il fuoco di Jeanne (Guanda 2014); Il dono di Arianna (Guanda 2019). Ha tradotto per Corbaccio The Gods arrive di Edith Wharton con il titolo Il canto delle muse.

 
Marino Niola
MARINO NIOLA

È professore di Antropologia dei simboli, Antropologia delle arti e della performance, Miti e riti della gastronomia contemporanea presso l'Università Suor Orsola Benincasa di Napoli dove coordina il Laboratorio di Antropologia Sociale, il master in Comunicazione multimediale dell'enogastronomia e dove dirige il Centro di Ricerche Sociali sulla Dieta Mediterranea "MedEatResearch". È stato professore all'Università degli Studi di Napoli "L'Orientale" e in quelle di Padova e di Trieste, dove nel 1999 è stato tra i fondatori del primo corso di laurea italiano in Scienze e Tecniche dell'Interculturalità. Svolge attività di divulgazione su TV e Radio Rai ed è editorialista de la Repubblica. Sul Venerdì di Repubblica cura la rubrica settimanale Miti d'oggi. Collabora con Le Nouvel Observateur, Il caffè di Locarno e Il Mattino di Napoli.
Dal 2008 al 20 giugno 2010 è stato presidente del Teatro Mercadante, divenuto da qualche anno Teatro Stabile di Napoli.

 

La conduzione

ANTONELLA CILENTO
ANTONELLA CILENTO

Scrittrice e giornalista, nel 1993 ha fondato l’associazione Aldebaran Park che produce Lalineascritta Laboratori di Scrittura, tra i primissimi in Italia a proporre l’insegnamento della scrittura creativa.
Il suo ultimo libro, pubblicato nel settembre 2021, è La Caffettiera di carta. Inventare, trasfigurare, narrare: un manuale di lettura e scrittura creativa (Bompiani), raccolta di quasi trent’anni di lezioni de Lalineascritta.
Nel maggio 2019 è uscito Non leggerai (Giunti), romanzo che ha inaugurato la collana Young Adult “Arya”, che segue a Morfisa o L’acqua che dorme (Mondadori, 2018).
Con Lisario o il piacere infinito delle donne (Mondadori 2014) è stata finalista del Premio Strega 2014, e vincitrice del Premio Boccaccio 2014 (libro tradotto in Spagna, Francia, Germania, Corea, Lituania, Finlandia).

Leggi il profilo completo di Antonella

Le letture

Gea Martire
GEA MARTIRE

Amatissima attrice di teatro, ha molto lavorato anche al cinema con numerosi registi italiani, tra cui Carlo Verdone, Ettore Scola, Mario Monicelli e Dino Risi. Ricordiamo alcuni dei film dove è comparsa: Dagobert (Le bon roi Dagobert), regia di Dino Risi (1984), Ternosecco, regia di Giancarlo Giannini (1986), Se lo scopre Gargiulo, regia di Elvio Porta (1988), Scugnizzi, regia di Nanni Loy (1989), Stasera a casa di Alice, regia di Carlo Verdone (1990), Il male oscuro, regia di Mario Monicelli (1990), Romanzo di un giovane povero, regia di Ettore Scola (1995), La scuola, regia di Daniele Luchetti (1995), Facciamo paradiso, regia di Mario Monicelli (1995), A spasso nel tempo, regia di Carlo Vanzina (1996), Teo, regia di Cinzia TH Torrini (1997), Il paradiso all'improvviso, regia di Leonardo Pieraccioni (2003), Mine vaganti, regia di Ferzan Özpetek (2010), Magnifica presenza, regia di Ferzan Özpetek (2012). Per la tv è comparsa in numerose serie fra cui ricordiamo:  Anni '50, regia di Carlo Vanzina - miniserie TV (1998), Un medico in famiglia, regia di Riccardo Donna - serie TV (1998-1999), Anni '60, regia di Carlo Vanzina - miniserie TV (1999), Un posto al sole, regia di vari - soap opera (2002), Il maresciallo Rocca e l'amico d'infanzia - miniserie TV (2008),  È arrivata la felicità, regia di Riccardo Milani e Francesco Vicario - serie TV (2015), Don Matteo 10 - serie TV (2016), I bastardi di Pizzofalcone, regia di Carlo Carlei  (2017), Sorelle, regia di Cinzia TH Torrini - serie TV (2017). La sua attività teatrale è inarrestabile e poliedrica: dalla compagnia di Luca De Filippo alle regie di Antonio Capuano e Armando Pugliese a quelle di Ruggiero Cappuccio, è in tournée di recente con Ferdinando uomo d’amore di Annibale Ruccello, regia di Nadia Baldi.

La musica

Paolo Coletta
PAOLO COLETTA

Compositore, regista, drammaturgo e attore, ha collaborato con numerosi artisti internazionali, tra i quali Lindsay Kemp, Antonio Tabucchi e Josè Saramago. È autore di più di novanta musiche di scena e nel maggio del 2009 ha debuttato, in qualità di compositore nella stagione lirica del Teatro San Carlo di Napoli e del Teatro Stanislavskij di Mosca con il "Ballet avec chant“ Napoli zompa e vola di Amedeo Amodio, Manlio Santanelli, Paolo Coletta e Simona Marchini. Lavora come regista dal 1995, firmando sedici regie teatrali, ed è autore di numerose drammaturgie originali, adattamenti e riscritture. Dal 2014 è docente a contratto di Interpretazione e scrittura della canzone teatrale presso il laboratorio di alta formazione “Officina Pasolini” della Regione Lazio.

 

GUARDA LA DIRETTA:


 VAI AL PROGRAMMA COMPLETO DI STRANE COPPIE 2021

Ufficio stampa: 

Brunella Bianchi
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
331 263 0029

Restiamo in contatto

Iscriviti alla Newletter

Ricevi nella tua casella email tutti gli aggiornamenti sulle nostre attività, corsi, eventi, appuntamenti.

mappa black

Lalineascritta ha la sua sede a Napoli (Vomero), in Via Kerbaker 23, all'interno della Galleria Vanvitelli (accanto a La Compagnia della Casa) , al piano ammezzato.

E' a 50 metri dalla Metropolitana Linea 1 (fermata Piazza Vanvitelli) e da tutte le funicolari: Centrale, Montesanto e Chiaia.